Perchè scegliere Arianna:

Senza costi di agenzia

Nessuna spesa di intermediazione per gli immobili di proprietà di società del gruppo UniCredit.**

Massima fiducia

Arianna offre immobili di proprietà di Società del gruppo UniCredit o ad esso collegate, con una maggiore sicurezza nella negoziazione.

Leasing dedicato

Soluzione dedicata alle imprese per acquisire gli immobili commerciali tramite operazione di locazione finanziaria.

Mutuo Casa UniCredit

Per l'acquisto di immobili residenziali, UniCredit offre un'ampia gamma di mutui per soddisfare ogni esigenza.

**Per quegli immobili non appartenenti a società del gruppo Unicredit verrà chiaramente indicato nella descrizione dell’immobile se sono previsti costi di agenzia “fee di intermediazione” a carico dell’acquirente

Acquistare immobili a reddito: vantaggi e agevolazioni

Acquistare immobili residenziali o commerciali con lo scopo di metterli in locazione rappresenta un investimento vantaggioso per diversi motivi, dalla rendita continuativa sicura alle agevolazioni fiscali previste dall'ordinamento per chi conclude un affare di questo tipo.
In molti casi l'investimento immobiliare riguarda abitazioni o locali con destinazione commerciale che vengono acquistati mentre sono già locati. In questo caso nel settore immobiliare si parla di immobile a reddito. Vediamo quali sono le caratteristiche di questo tipo di investimento e le agevolazioni fiscali previste.

Convenienza nell'acquisto di un immobile a reddito

Come anticipato, l'espressione "immobile a reddito" indica un locale che viene acquistato mentre è già in locazione. Investire in un immobile di questo tipo offre ulteriori vantaggi, rispetto a quelli canonici derivanti dall'acquisto di un immobile da mettere in locazione successivamente.
Innanzitutto, se l'immobile che si sta acquistando è già locato, si saprà immediatamente qual è la sua redditività e quanto si percepirà una volta completata la compravendita. Nel caso in cui si acquistino immobili commerciali a reddito, la sicurezza di una redditività prolungata è ancora maggiore, poiché solitamente le attività che li occupano lo fanno per lunghi periodi di tempo.
Il capitale investito inizialmente ha sicuramente la possibilità di accrescersi in maniera esponenziale, pur dovendo tener conto dei costi totali da sostenere per l'acquisto e il mantenimento di un immobile locato, ovvero le spese per la gestione e la manutenzione straordinaria, che sono a carico del proprietario dell'immobile in qualsiasi contratto di locazione.

Agevolazioni fiscali per immobili residenziali a reddito

Un ulteriore vantaggio derivante da un investimento di questo tipo riguarda le agevolazioni fiscali di cui si può usufruire una volta conclusa la compravendita, ma solo nel caso in cui si tratti di immobili residenziali. Anche per gli immobili a reddito valgono infatti gli incentivi fiscali previsti dalla legge italiana per chi acquista un locale con lo scopo di darlo in locazione.
L'agevolazione riservata a chi acquista un immobile come investimento è la cedolare secca. Di che cosa si tratta? Di un regime fiscale opzionale con cui i proprietari di immobili concessi in locazione possono scegliere di far tassare il reddito derivante dall'affitto a un'aliquota fissa del 21% o del 10%, a seconda dei casi.
La cedolare secca rappresenta a tutti gli effetti un regime fiscale a sé rispetto alla tassazione IRPEF che solitamente si basa su aliquote a scaglioni per tassare progressivamente i redditi. Scegliendo di usufruire della cedolare secca, infatti, il canone percepito dalla locazione verrà tassato in modo differente dagli altri redditi dell'individuo e, in particolare, verrà sottoposto all'applicazione di un'aliquota fissa. Il regime agevolato rappresenta un vantaggio anche per l'affittuario che, grazie al minore ammontare delle imposte, potrà godere di una riduzione del canone mensile da pagare al locatore.
Con l'applicazione della cedolare secca per l'affitto si avrà quindi un'aliquota sostituiva unica e agevolata che incorpora l'IRPEF e le relative addizionali, l'imposta di registro per la registrazione del contratto di locazione e l'imposta di bollo.
L'aliquota fissa ammonta al 10% nel caso in cui si opti per il canone concordato, mentre si applicherà l'aliquota del 21% se il canone per l'affitto viene definito tra le due parti liberamente.

Scopri gli immobili commerciali a reddito in vendita, già affittati a terzi e con evidenza del canone annuo.